fbpx

Il tuo ebook è in arrivo sulla tua mail.

Controlla anche la cartella dello spam eventualmente.
 

Nel frattempo, abbiamo un altro regalo per te! Continua a leggere…

Scopri quali sono le abitudini che ti fanno essere un lettore lento senza che te ne stia accorgendo

Se pensi che leggere velocemente significhi perdere la comprensione del testo…hai ragione.

Questo è ciò che succederebbe se non ti fermassi a imparare un modo più efficace di leggere e apprendere. Perché esiste. È facile sia da imparare che da applicare. Soprattutto, dà risultati immediati.

Ti piacerebbe sviluppare al meglio la tua memoria?

È sempre più necessario avere un’efficienza mentale migliore. 

Esistono tecniche che puoi applicare che ti permettono di:

  • migliorare la concentrazione 
  • ricordare più efficacemente ciò che leggi
  • rielaborare al meglio i testi
  • prendere appunti (al lavoro, a un corso o a lezione) in modo efficace per risparmiare tempo
  • studiare una lingua straniera
  • aumentare la sicurezza quando devi esporre davanti a un pubblico
  • gestire ansia e stress sia in fase di studio sia durante le prove importanti

Questi sono solo alcuni dei vantaggi che la nostra mente ci permette di ottenere, se la usi correttamente.

Se vuoi capire meglio come fare per ottenere tutto questo e applicarlo in ciò che più conta per te, puoi provare una strategia di memorizzazione efficace e assistere alla lezione introduttiva del percorso Studia Senza Stress.

Avrai la possibilità di provare su di te l’efficacia di un metodo d’apprendimento completo. 

Compila il form con i tuoi dati e scegli il giorno migliore per te. 

So che magari stai pensando “ma io so leggere”. Lo so. Anche io pensavo questo. E sinceramente non sapevo neanche che avrei potuto leggere in un modo diverso o più veloce. Ho sempre pensato che leggendo più velocemente, avrei perso una componente importantissima dell’apprendimento: la comprensione. Perché questo era ciò che mi succedeva quando magari non avevo più tempo.

Saltavo righe o parti intere, cercavo di captare le informazioni più importanti. Insomma, più cercavo di risparmiare tempo e più si abbassava la qualità del mio studio.

A essere sinceri, in tutti questi anni, ho trovato tante altre persone che non sapevano da cosa dipendesse la comprensione del testo.

Molti pensano che il problema sia solo la concentrazione.

Qualcuno la passione per ciò che si legge.

Qualcun altro il cellulare…

Altri l’età.

Sono tutte vere, in parte.

Perché, con l’allenamento e la tecnica giusta, c’è qualcosa che ti può aiutare ancora di più a capire meglio. Ed è la velocità. Più leggi veloce, più capisci.

Il problema è che questa affermazione si scontra con ciò che siamo abituati a credere vero.

Infatti, ci sono un sacco di problemi e difficoltà con la lettura, la concentrazione e lo studio.

Ad esempio, pensa alle volte in cui ti capita di leggere, avere la sensazione di capire mentre leggi, ma di arrivare al fondo e chiederti “ma cosa ho letto?

Quasi come se stessi provando stupore ad avere quel libro e non un altro davanti a te.

Sappi che questi sono problemi che nascono da COME LEGGI. O meglio, da COME TI HANNO INSEGNATO A LEGGERE e da come non ti hanno insegnato a studiare.

Aspetta però, che prima di spiegarti meglio a cosa mi riferisco, voglio raccontarti una storia. Un episodio che mi è successo nel 2013, mentre stavo insegnando le tecniche d’apprendimento a un gruppo di 18 persone a Como.

Durante il corso avevamo già visto varie tecniche, tra cui le mappe mentali e le tecniche di memoria. Avevamo visto come imparare una lingua straniera e come migliorare la concentrazione.

Mancava solo una parte: la lettura veloce.

Avevamo già fatto un sacco di pratica ed erano tutti molto contenti.

Stavo per chiudere quella prima parte del corso, quando a un certo punto un allievo alza la mano.

Mattia. 8 anni.

Stava facendo il corso con sua mamma, il papà e suo fratello più grande di 11 anni.

Non erano l’unica famiglia che avevo in quel corso. Spesso mi capitava che assistessero tutti insieme con la propria famiglia. Così come capitava anche di avere solo professionisti o solo studenti di liceo e università.

Mattia e suo fratello erano dislessici, disgrafici e discalculei. Anche il padre lo era. E i bambini, in più, erano iperattivi.

Ti starai chiedendo e la mamma? La mamma era una santa!!

Scherzi a parte, ricordo il volto di Mattia che era turbato.

Alza la mano e mi chiede se può farmi una domanda. Ovviamente acconsento, anche se vedevo dalla sua espressione che non sarebbe stato semplice rispondergli.

Lui mi disse qualcosa come

Davide, ho capito che con i miei problemi, io avrò più difficoltà degli altri. In questi giorni ho imparato a studiare meglio e ho visto i risultati. Sento che mi aiuterà a prendere dei voti migliori. Ma so anche che io sono fatto così e per me sarà sempre difficile. Vero?

Ora, dietro questo suo vero c’era tanta voglia di sentirsi bene.

In quel momento, ho visto sua mamma iniziare a piangere come una fontana. Sentire il proprio figlio che esprime una difficoltà, per un genitore non è mai semplice. Però non so se è più difficile quando tengono tutto dentro o quando lo esprimono. Comunque vederla così, mi ha fatto vedere ancora di più quanto noi genitori per i nostri figli facciamo veramente di tutto e quanto cerchiamo di supportarli.

In quel momento ho capito che c’era da spiegargli un concetto importante:

il problema non era lui.

Questo era importante sia per lui, che per la mamma. Che per tutti gli altri che ascoltavano.

Non voglio entrare nel merito della dislessia, perché anche con delle tecniche di lettura veloce, non si cambia questa condizione.

È così.

Quello che però gli ho spiegato, gli ha fatto capire che il problema non era lui, ma il furbacchione che gli avevano installato nella testa. Già, il furbacchione!

Erano tutti incuriositi. Quella che vedi qua sotto è una rappresentazione di quello che gli ho raccontato.

Lo racconto anche a te.

Stai leggendo un foglio su cui trovi la parola CASA.

Sul foglio, effettivamente, c’è scritto C – A – S – A. Queste lettere, in questo ordine. E i tuoi occhi vedono esattamente C – A – S – A.

Gli occhi a chi trasmettono ciò che hanno visto? Alla vocina che senti nella testa mentre leggi.

Questa vocina, è il furbacchione.

Perché? Perché invece di dire C – A – S – A al tuo cervello (o meglio all’emisfero sinistro del cervello), gli dice C – S – A – A. Cambia l’ordine delle lettere (ricordati che è un esempio fatto a un bambino di 8 anni con dislessia).

Il tuo cervello la ascolta e non capisce. Ci mette qualche istante in più a capire perché deve fare un anagramma e rendersi conto che, in realtà, avrebbe dovuto dirgli CASA.

In più, quel povero emisfero sinistro che si incarica sempre di capire, di analizzare, di razionalizzare, è maggiormente affaticato perché l’emisfero destro, che è più creativo, emotivo, artistico, sta facendo di tutto per far sì che tu pensi ad altro. D’altronde è lì a “far niente” perché con la lettura classica, si attiva l’emisfero sinistro.

Questo è ciò che succede (romanzato) mentre una persona con dislessia, sta leggendo.

Quello che vedi nella parte bassa del disegno, è ciò che succede quando guardi e capisci le immagini. Con le immagini, come vedi, dagli occhi si passa direttamente al cervello, saltando il furbacchione. A questo punto, l’emisfero destro si sente coinvolto nell’attività e non può più distrarsi, anzi mette al servizio le sue grandi abilità e aiuta l’emisfero sinistro a razionalizzare le informazioni.

Come vedi, anche se salti il furbacchione nel processo, comunque capisci. D’altronde, per capire che quel disegno rappresenta un albero, la montagna e il sole, non hai bisogno di sentire la tua vocina che lo legge, ma semplicemente guardando, puoi capire.

Uno degli obiettivi della lettura veloce, quindi, è di ridurre l’influenza negativa e limitante del furbacchione. Solo con persone con dislessia? No. Con tutti. Il furbacchione rallenta e limita la comprensione a tutti.

Come si fa?

Con tecniche e pratica.

Quando Mattia ha ascoltato questa storia, ha capito che il problema non era lui, ma il furbacchione.

Avresti dovuto vedere la sua espressione. Il volto più rilassato e più fiducioso.

Sapendo questo, infatti, si è allenato tanto con le tecniche di lettura veloce. In più, ha aumentato la sua autostima. Oltre a moltiplicare x4 la sua velocità.

Come hai potuto capire da questa storia, è una questione di come leggi e come studi.

Durante il percorso Studia Senza Stress imparerai le tecniche che ti permettono di sfruttare al massimo le potenzialità di entrambi gli emisferi del cervello, quindi di leggere e capire meglio, concentrarti di più e ricordare a lungo termine ciò che vuoi.

Cosa imparerai durante il percorso Studia Senza Stress?

 

✓ Si parla spesso di gestione dello stress. Questo è un punto fondamentale del percorso. La parte iniziale. Perché bisogna iniziare dall’eliminazione dello stress perché limita la concentrazione e le capacità cognitive. Ma lo facciamo in un modo che non trovi da nessuna parte. Un metodo scientifico che si basa sull’equilibrio del sistema nervoso. Equilibrio tra cervello e cuore per sentirti più sereno, concentrato e determinato verso ciò che devi fare.

✓  Diverse tecniche di lettura. Ognuna specifica per vari obiettivi.

D’altronde, se potessi metterci meno tempo e avere la stessa comprensione, sarebbe utile per te? Purtroppo, se hai solo una tecnica di lettura, non puoi scegliere. Ci metterai sempre tanto. Se possiedi più tecniche, puoi scegliere tu il tipo di comprensione e risparmio di tempo che puoi avere.

 

✓ Come ricordare meglio ciò che leggi, mantenendo il ricordo vivo e acquisendo il linguaggio specifico dell’argomento che leggi.

 

✓ Come rendere la lettura da obbligo a piacere. Questo è quello che mi dicono generalmente le persone. D’altronde, i risultati ci motivano e sapere che leggi, capisci, ricordi e ti godi la lettura, questo è un bel risultato che ti fa innamorare della lettura.

 

✓ Moltiplicare almeno x4 la tua velocità di lettura. Sai cosa significa questo? Significa che, dopo il corso e la pratica, ciò che oggi leggi in 60 minuti, poi lo leggerai in 15 minuti. Questo vuol dire che avrai risparmiato 45 minuti. Quanto è importante, ancor di più oggi in un mondo sempre più frenetico, avere del tempo libero? Magari, non libero per non fare niente, ma comunque tempo che oggi non hai a disposizione. Tempo che oggi puoi ottenere solo rinunciando a qualcosa.

 

✓ Sai cosa mi infastidiva molto? Dover rileggere le stesse cose. A volte succede che leggi, non capisci, ti senti stupido. Rileggi. Non capisci ancora. Rileggi ancora. Ma questa volta la noia insormontabile ti travolge. E allora rileggi, ma non capisci comunque e ti senti ancora più frustrato. Tranquillo! Proprio per risolvere questo (e altri) problema della lettura, ci prenderemo il tempo necessario. D’altronde, saper comprendere il testo è una parte fondamentale del corso. Anche eliminare le regressioni.

✓ Spesso, durante le nostre conferenze, chiediamo di alzare la mano a chi crede che sia importante imparare una lingua straniera. E tutti, generalmente, alzano la mano. Poi chiediamo di tenerla alzata solo se si è in grado di parlarla; molte mani si abbassano. Ecco, una parte fondamentale che troverai nel percorso è come imparare una lingua straniera, qualunque essa sia, con facilità. Anche se non sei portato.

 

✓ Hai presente quando hai appena finito di leggere un libro da 300-500 pagine? Oppure anche solo 50 pagine, in base a ciò che devi studiare. Hai appena finito, ma perché non esulti e non sei felice? Perché devi ripassare tutte quelle pagine. Un’attività che ti richiede un sacco di tempo. Durante il corso, vedremo come velocizzare e rendere più performante anche questa parte dello studio che è importante sia per fissare i concetti sia per farti sentire più sicuro! Utilizzeremo le mappe mentali e le tecniche di memoria per farlo facilmente.

 

✓ C’è una metafora che mi piace fare. Pensa alla nostra memoria come un magazzino. Hai presente quei magazzini dei corrieri che sono pieni di 1000 o più pacchetti? A ottobre 2020, in un momento di scioperi, i miei pacchetti non arrivavano. Stavo aspettando del materiale importante per lavoro.

Allora decisi di andare al magazzino alle porte di Milano. Un’ora e 75 km dopo, arrivo in questo magazzino dove regnava il caos più totale. Chiedo di rintracciare le mie 5 scatole, ma non sanno trovarle. E io mi sono chiesto “scusa, cosa vuol dire che non sapete dove sono?” Poi, per fortuna, dopo circa un’ora che ero lì, è arrivato un magazziniere che gli ha detto dove cercare. E per magia, le hanno trovate. Ecco, la tua mente quando leggi e ripeti e sai che hai studiato un argomento ma non sai rispondere, è come quel primo impiegato che ho incontrato io. Non sa dove cercare. Con la lettura veloce e le mappe mentali, ti aiutiamo a essere come il magazziniere che è venuto in nostro soccorso: sa con certezza dove cercare le informazioni e ti aiuta a rispondere con efficacia e sicurezza.

 

Hai presente quando si dice che utilizziamo solo il 5-10% del cervello? Il problema, ovviamente, non è il nostro cervello, ma come lo usiamo. Cosa facciamo per sfruttare al meglio certe caratteristiche che ha. Usare il suo modo di funzionare, per ottenere i risultati che vogliamo. Imparare le tecniche, significa creare delle abitudini che ci permettano di ottenere sempre di più il massimo dal nostro cervello.

 

✓ Sai qual è il problema? Una domanda che ci fanno di frequente è ma perché tutto questo non viene insegnato a scuola? Non voglio parlare di questo in questo momento, ma semplicemente farti riflettere su una cosa: la scuola non ti prepara a essere più performante. Questa non è né polemica né una critica. È un dato di fatto.

Tra le materie che studi, non c’è strategie di studio o tecniche d’apprendimento efficaci.

Questo è il motivo per cui devi farlo per conto tuo.

 

✓ Hai presente quando leggi e, a un certo punto, ti accorgi di avere davanti a te il libro di una materia e non un altro? Quei giorni in cui leggi, ma non sei proprio in grado di concentrarti e di carburare? Anche questa è un’altra di quelle situazioni che, con una tecnica di lettura efficace, riusciamo a eliminare.

 

✓ Ho avuto una maestra di italiano alle elementari che era molto brava. Purtroppo, la sua materia non era tra le mie preferite. Ho sempre preferito le materie scientifiche a quelle letterarie. In più, lei, mi aveva convinto di una cosa: per capire meglio, devi leggere più piano.

Ecco, questo non è vero. La comprensione dipende da 2 fattori e ne parleremo durante il corso.

 

Arrivato a questo punto, quando anche io ascoltai tutto questo per la prima volta, avevo una domanda che mi balenava nella testa:

È tutto molto bello. Sembra tutto davvero utilissimo. E siete di sicuro tutti bravissimi a saper già fare questo. Ma io, sarò in grado di applicare le tecniche d’apprendimento e di lettura veloce anche ai libri di studio o di lavoro? Perché che siano capaci gli altri, sinceramente non mi interessava per nulla. Volevo capire se IO SAREI STATO IN GRADO di applicarlo. E soprattutto ad argomenti che mi interessavano.

Il modo migliore per scoprirlo è PROVARLO.

Provarlo sulla propria pelle.

Che tu possa vedere con i tuoi occhi e toccare con le tue mani i risultati che puoi ottenere.

Per questo il corso è prettamente pratico: mentre imparerai il metodo, applicherai le tecniche sul libro che sceglierai tu.

È un nuovo modo di leggere, di organizzare e sintetizzare i concetti e di ricordare, un modo di usare una funzione del nostro cervello che già abbiamo, solo dobbiamo fargli capire come usarla durante la lettura e lo studio.

Visto che l’unico modo per capire se funziona è provare, abbiamo deciso di regalarti un primo step: 2 ore di lezione del corso, dove avrai modo di provare una tecnica di memorizzazione e vedere che funziona anche con te.

Compila il form qua sotto e scegli la data migliore per te!

Avrò abbastanza tempo per seguire il corso e fare pratica?

So che a volte si ha la sensazione di non riuscire a trovare il tempo per fare pratica. Uno pensa devo dedicare del tempo a imparare queste tecniche e a metterle in pratica.

In realtà, un po’ sì e un po’ no. In che senso?

È vero che devi fare pratica per diventare un lettore veloce. Il bello è che la pratica la farai con ciò che già devi leggere. Cioè non ti darò dei libri extra da leggere e studiare. Sta a te scegliere i libri su cui fare pratica e allenarti. Così sfrutterai doppiamente il tuo tempo: farai pratica con la lettura veloce, le mappe mentali e le tecniche di memorizzazione e studierai libri che devi studiare. Puoi fare pratica anche su mail, messaggi o qualunque altra cosa tu debba leggere.

Quindi più leggi tutto ciò che devi leggere, più diventerai veloce a leggere ciò che leggerai la volta successiva. Più farai pratica e più sarai efficace nel raggiungimento dei tuoi obiettivi.

 

È complicato applicare le tecniche?

Non è complicato. Richiede solo pratica. E più fai pratica, più otterrai risultati. Inoltre, bisogna affrontare un cambio di abitudini. Sarà graduale. Poco a poco vedrai dei miglioramenti. Alcune volte sarà naturale applicare e altre dovrai ricordartelo. Questo, però, succede ogni volta che impari qualcosa.

Quindi, non è né semplice né complesso. È un metodo fatto in varie fasi che apprenderemo gradualmente e, soprattutto, faremo tanta pratica. Pratica, pratica, pratica. Ci sarà poca teoria, quella sufficiente per capire cosa fare e tanta pratica. E il tempo necessario per rispondere alle domande.

 

È un buon investimento?

Questa parte a cui ti sto invitando, è un regalo. Se la domanda è sarà un buon investimento di tempo? La risposta è SÌ. Sono 2 ore che dedicheremo a capire quali sono gli errori che si commettono quando si studia, come essere più efficienti nel raggiungimento dei tuoi obiettivi e imparerai una strategia di memorizzazione che potrai usare in altre occasioni. Alla fine, per chi vorrà andare avanti nel percorso, spiegheremo com accedere alle lezioni successive.

 

Chi riesce ad applicare queste tecniche?

Questo corso è adatto a tutti. I requisiti sono solo 2:

  • Avere almeno 10 anni e saper leggere
  • Avere qualcosa di utile e importante da leggere, sia per studio o per lavoro.

Avere un obiettivo chiaro è importante. Sinceramente, ogni volta che ho trovato qualcuno che mi dicesse ma sì, lo faccio per curiosità, per vedere come funziona o qualcosa di simile, alla fine non hanno fatto la pratica necessaria.

Per pigrizia? No. O forse sì. Non lo so. Però di sicuro perché non avevano un obiettivo chiaro.

Non avendo un obiettivo chiaro, non avevano nulla su cui fare pratica. Se non fai pratica, è come iscriversi in palestra e non andarci.

 

Allora la domanda che potresti farti in questo momento è: su quale libro inizio a esercitarmi per imparare le tecniche d’apprendimento e di lettura veloce?

Partecipa al corso gratuito di 2 ore e scopri come migliorare la tua efficienza mentale e ridurre lo stress.

Compila il form e scegli la data migliore per te! 

Grazie alle tecniche che applicherai durante il corso sarai in grado di:

Risparmiare tempo

Il tempo è una risorsa fondamentale. Avere un metodo efficace serve a essere più performante e raggiungere con maggior sicurezza i propri obiettivi.

Migliore comprensione

Da cosa dipenda la comprensione del testo? Scopri da cosa dipende e come migliorarla e ricordare a lungo termine ciò che ti serve

Maggiore velocità

Il modo che ci hanno insegnato di leggere è tipico del lettore lento.
Ci concentreremo su ottenere più risultati ed essere più performanti.

Studia Senza Stress – Località Torrazzo 79/A, 29020 Vigolzone (PC)

Privacy Policy  – Cookie Policy

×
×

Carrello