come funziona il ricordo a lungo termine e la distinzione tra i tipi di memoria

Perché ci sono delle informazioni che ricordo e altre no?

Una parte fondamentale (e molto apprezzata!) del corso è dedicata alla memorizzazione a lungo termine. Capire come funziona il ricordo, ci permette di ridurre lo sforzo ed eliminare ciò che è inutile. Ci sono, infatti, delle abitudini che abbiamo appreso durante il nostro percorso di studi, ma che sono erronee e non considerano come funziona esattamente il ricordo di ciò che studiamo.

 

Ti stai chiedendo perché è così apprezzata? Beh…facile!

Immagino che ci siano delle attività, dei concetti e delle informazioni che ricordi. Per alcune, magari, non ti sei neanche dovuto sforzare per poterle ricordare.

Altre, invece, le hai lette, ripetute, riscritte, rilette, rilette un’altra volta ma, nonostante questo sforzo, ancora non sei capace di recuperarle con facilità. Né tanto meno saperle spiegare.

Per capire come mai succede questo, bisogna capire un po’ la differenza tra i tipi di memoria.

 

Esistono 3 tipi di memoria con cui elaboriamo le informazioni:

  • Registro sensoriale
  • Memoria a breve termine
  • Memoria a lungo termine

Il registro sensoriale è la nostra capacità di creare un’associazione tra un’informazione filtrata dai nostri sensi (udito, olfatto, vista…) e qualcosa che coincida con un nostro ricordo.

La memoria a breve termine è una memoria di transito. Tra il registro sensoriale e la memoria a lungo termine, sia in un senso che nell’altro. È una memoria capace di trattenere le informazioni per poche decine di secondo. E, se il transito non dovesse andare a buona fine, si dimenticano le informazioni.

La memoria a lungo termine è il grande deposito (pressoché infinito) dove albergano tutti i nostri ricordi. Il bello è che ha una capacità di depositare e immagazzinare le informazioni che è automatico.

Ti sarà capitato, magari, di leggere, ad esempio, un libro giallo e di ricordarne la trama. Questo perché il processo di lettura-comprensione ti ha permesso di ricordare e immaginare con facilità la trama.

Purtroppo, però, quando più ne abbiamo bisogno, quanto meno questo processo automatico si attiva. Da qui nasce il nostro sforzo. E la nostra frustrazione!

 

Per approfondire la relazione tra ricordo e comprensione

Se ti è capitato di sentire la definizione di memoria lavoro, questa è una nuova definizione che è stata data alla memoria a breve termine. È un concetto che è stato introdotto nella teorizzazione di Baddeley (1990). 

Con questo concetto, ha voluto sottolineare la struttura complessa formata da più sottosistemi coordinati, che agiscono con la supervisione di un esecutivo centrale. 

I sottosistemi che sono stati analizzati, sono principalmente due:

  • il loop articolatorio o fonologico
  • il taccuino visuospaziale

Il primo, il loop articolatorio, ulteriormente suddiviso in un magazzino fonologico e un meccanismo di ripetizione vocalica. Questa parte della memoria lavoro, per semplificare il concetto, serve a collegare il significato delle frasi appena lette tra loro e associarle alle conoscenze presenti nella memoria a lungo termine. Questo processo è correlato con la comprensione del testo, come evince dalla ricerca di Just e Carpenter del 1992.

Il taccuino visuospaziale svolge la funzione di mantenere, per un breve tempo, le caratteristiche d’immagini appena viste, così come la capacità di visualizzare o elaborare immagini mentali.

Per capire ancora meglio come funziona, quando leggiamo un problema di geometria o la descrizione di un ambiente, queste due funzioni interagiscono tra loro. 

L’incapacità di visualizzare o verbalizzare dei ricordi, influisce sull’uso delle tecniche di memorizzazione che si possono usare. 

Con il corso Studia Senza Stress, ciò che facciamo è aiutare i nostri corsisti a personalizzare il metodo in base alle loro caratteristiche e i loro stili cognitivi.

Imparare ad attivare questo processo e saper immagazzinare efficacemente le informazioni, oltre a essere utile a ogni età, è una parte fondamentale del corso.

 

A proposito del corso, se hai capito anche tu l’importanza d’imparare un metodo efficace e che ti permetta di poter ricordare a lungo termine, apprendere con più facilità e saper gestire al meglio lo stress e l’ansia, facendo clic su questo link, puoi prenotare un posto alla prima lezione introduttiva del corso disponibile. Gratuita e senza impegno.

 

Durante questa lezione ti parleremo del programma del corso, i servizi, la struttura, tutti i dettagli tecnici e la garanzia che diamo.

 

Per assistere, puoi prenotarti a questo link. Sarà pratica e interattiva, oltre a essere ricca di contenuto. Inoltre, è la porta al corso che ti permette di Studiare Senza Stress!